Outrage

Pubblicato: marzo 24, 2011 in Recensioni
Tag:, ,

Outrage di Takeshi Kitano (Jap, 2010)

Ascesa e declino del clan Otomo. Sfruttato come testa d'ariete per eliminare un clan affiliato (ma scomodo), finirà vittima dello stesso trattamento da parte del machiavellico Oyabun (boss) che domina sulla yakuza locale.

Il ritorno di Takeshi Kitano allo yakuza eiga, dopo dieci anni di cinema che potremmo definire sperimental-autoriale, non poteva lasciarmi indifferente. A Kitano, in coppia con Takashi Miike, ho dedicato un anno di lavoro, oltre 120 pagine e una tesi di laurea. Ma, soprattutto, sentivo davvero la mancanza di un film di yakuza firmato Beat Takeshi, visto che non mi iscrivo al partito di queli che sono rimasti entusiasti dalla visione dei suoi ultimi lavori.
Appurato che Outrage è un film di Kitano, però, bisogna subito dire una cosa: Autoreiji (traslitterazione della pronuncia giapponese) non è un film à la Kitano. Sul piano formale c'è tutto quello che un fan del regista di Sonatine si aspetterebbe: esplosioni inaspettate (quasi deconstetualizzate) di violenza, malavitosi perdenti e condannati alla disfatta, una composizione geometrica delle immagini. Quello che manca, perdonatemi la banalità, è quella che chiamerei "poesia". Nessun romanticismo disperato come in Hana-Bi, nessun giocoso nichilismo come in Sonatine e così via.
Outrage è un film di yakuza classico, se così possiamo definirlo. Pensato per conquistare il grande pubblico (almeno giapponese), con un seguito già in preparazione. Non sto dicendo che sia un'opera deludente. E' ben girato, ben recitato e guardandolo senti il respiro un po' epico della saga. Ma non arriva al cuore come Kitano sa fare, ma non sempre vuole.

commenti
  1. anonimo ha detto:

    La penso come te su Beat.
    Allora peccato manchi "La poesia". Però mi sembra valga comunque la pena. Non l'ho ancora visto, prima o poi lo faccio e ti saprò dire!
    Ciao
    Emmeggì

  2. cineblob ha detto:

    Sì, vale la pena di vederlo. Però con la giusta dose di disincanto, le vette del passato purtroppo sono lontane ^_^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...