Millenium mambo

Pubblicato: marzo 13, 2010 in Uncategorized

Millenium mambo di Hsiao-hsien Hou (Taiwan-Francia, 2001)

Vicky e Hao-Hao sono due ventenni inquieti e un po' alla sbando nella Taipei di fine millennio. Si amano, litigano, si lasciano, tornano insieme. Continuamente. Almeno finché, come ha promesso a sé stessa Vicky, non saranno finiti i soldi del conto in banca.

Era da un po' di anni che volevo vedere questo film del regista cinese Hsiao-hsien Hou, di passaggio a Cannes nel 2001 con una nomination alla Palma d'oro e più volte riproposto nelle notti di Raitre. Conosco poco il cinema del prolifico Hou e Millennium mambo, forse anche grazie alla protagonista Qui Shu, mi sembrava un bel modo per iniziare a frequentarlo. L'incontro, però, non mi ha entusiasmato come speravo.
Hou gira con il respiro di un autore europeo di qualche decennio fa: semplici storie di vita quotidiana e sentimenti quotidiani, riprese con stile, fotografia satura e un tocco di poesia nelle inquadrature. Al di là della forma, però, manca qualcosa di intimamente significativo per rendere attraenti le storie dei giovani&dannati angeli di Taipei. Intrappolati in vite strette e in case troppo piccole: come le inquadrature di Hou, soffocanti e affastellate, anche nei pochissimi momenti in esterni. Solo per appassionati degli emuli di Antonioni.

commenti
  1. anonimo ha detto:

    Scommetto che hai visto l'edizione mutilata da 101 minuti che gira in Italia. Se hai visto l'edizione integrale, dimmi dove!

  2. cineblob ha detto:

    Dvd italiano, ma l'edizione da 119 minuti l'ha mai stampata qualcuno (nel mondo)?

  3. anonimo ha detto:

    I ♥ Shu Qi!

    Questo film mi aveva fatto pensare, oltre che ad Antonioni, a Wong Kar-Wai. Comunque, se vuoi riprovarci con HHH, ti consiglio "A time to live and a time to die", che è piuttosto diverso (tutto su ricordi dell'infanzia).

    Ciao
    Christian

  4. cineblob ha detto:

    Allora lo recupero e ti faccio sapere! Ma a te era piaciuto?

  5. anonimo ha detto:

    A me sì. Però non sempre Hou mi piace, per esempio il film che ha vinto il Leone d'Oro, "Città dolente", mi aveva lasciato freddino…Sicuramente, per restare a Taiwan, gli preferisco Tsai Ming-Liang!CiaoChristian

  6. cineblob ha detto:

    Inevitabile preferire Tsai Ming-Liang 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...