Il canto delle spose

Pubblicato: gennaio 5, 2010 in Uncategorized

Il canto delle spose di Karin Albou (Francia-Tunisia, 2008)

Tunisia, 1942. Myriam e Nour, due amiche adolescenti di fedi diverse (una ebrea, l'altra musulamana), vedono incrinata la loro amicizia dall'arrivo dei nazisti. Ma la propaganda del Terzo Reich, che spinge i musulmani all'odio verso la comunità ebraica locale, non riuscirà a spezzare il loro legame fino in fondo.

Un film delicato, una storia intensa di un'amicizia al femminile, come solo una regista donna potrebbe raccontare. Il canto delle spose è un piccolo ma intenso film deciso a raccontare la Storia, quella con la maiuscola, attraverso il rapporto simbiotico di due adolescenti inquiete.
Amiche da sempre, divise solo dalla loro religione, Myriam e Nour vedranno il loro piccolo mondo incrinarsi di fronte alla follia del nazismo, che durante l'occupazione tunisina istigò (come fece altrove) la popolazione locale contro la comunità ebraica.
Karin Albou, che nel film interpreta la madre di Myriam (l'inquieta Lizzie Brocheré), esplora i suoi personaggi a fondo. Come un'antropologa. Spingendosi con delicatezza fino alle zone più intime, anche fisicamente della donna. Il risultato è un film con un bella storia e sentimenti intensi, nonostante i pochi mezzi. Amabilmente utopico, nella speranza che il conflitto tra fedi si possa risolvere con un abbraccio tra amiche.

commenti
  1. anonimo ha detto:

     Una rondine non fa primavera, ma qui siamo a cinque o sei, mi sa che questo blog è risorto.

    Belle le ragazze in fotografia, diciamo che a leggere "Un film delicato, una storia intensa di un’amicizia al femminile, come solo una regista donna potrebbe raccontare. Il canto delle spose è un piccolo ma intenso film deciso a raccontare la Storia, quella con la maiuscola, attraverso il rapporto simbiotico di due adolescenti inquiete" mi viene la certezza che a sto film cadrei morto addormentato ^^

  2. cineblob ha detto:

    a volte ritornano…
    non ho la minima intenzione di convincerti a vederlo, visto che è tutt’altro che indispensabile. ma se volessi farlo ti direi solo quattro parole: depilazione intima totale femminile

  3. Testavuota ha detto:

    Come mi annoiano questi film, non so se riuscirò mai a vederlo.
    Sono forse troppo grezzo per godermi cose del genere. 😦

  4. cineblob ha detto:

    ognuno ha la sua sensibilità cinefila… ^__^

  5. anonimo ha detto:

    Ma… c”è un po’ di lesbo-soft almeno?

  6. cineblob ha detto:

    un po’… ma assolutamente criptato ^^

  7. anonimo ha detto:

    Hey c’è la patata liscia in vista però!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...