Perfect blue

Pubblicato: aprile 18, 2008 in Uncategorized

Perfect blue di Satoshi Kon (Jap, 1997)

Mima, una giovane idol giapponese, lascia il mondo della musica per una poco promettente carriera come attrice. Presto le persone che lavorano intorno a lei inizieranno a morire. E lei capirà che qualcuno non ha gradito la scelta.

Di thriller psicologici animati, in circolazione, non ce ne sono molti. E basterebbe la rarità del prodotto per una visione. Ma Perfect blue merita la vostra attenzione al di là di mere questioni accidentali. Perché il primo lungometraggio animato di Satoshi Kon, ispirato da un romanzo di Yoshikazu Takeuchi, è un thriller sapientemente concentrato sul tema del doppio e del successo a tutti i costi.
Dovremmo ringraziare il terremoto, che nel '95 ne impedì la realizzazione in film, se oggi possiamo gustarci (anche in italiano, per i più pigri) una delle opere di animazione giapponese più interessanti del decennio scorso. Kon, al suo esordio, mostra già la sua mano: mescolando sapientemente realtà, sogno, immaginazione e finzione scenica. Molti anni dopo, abbattutta ogni soglia di realismo, l'approdo non potrà che essere il viaggio di Paprika.

commenti
  1. anonimo ha detto:

    Imho Perfect Blue batte Paprika 4 a 0.

  2. cineblob ha detto:

    Imho finisce 4 a 2

  3. anonimo ha detto:

     Lo sai che cercando Perfect Blue in google images il tuo blog compare in seconda posizione? ^^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...