Paranoid park

Pubblicato: gennaio 21, 2008 in Uncategorized

Paranoid park di Gus Van Sant (Usa-Francia, 2007)

Sospeso, intimo, rarefatto. L'ultimo film dell'enfant prodige Gus Van Sant è un umile e sincero saggio su come il cinema può ancora stupire. Senza orpelli, effetti speciali o altri gingilli. Solo obiettivi, dissolvenze, sfocato e, massima concessione, qualche grana grossa con ammiccamenti al video (anche se digitale).
Paranoid park è, innanzitutto, un piacere per gli occhi. E non solo grazie allo splendido, quasi banale dirlo, lavoro di Doyle alla fotografia. Ma per la delicatezza con cui il regista di Portland ritrae, insegue, coccola, sfoca il suo mondo di adolescenti spaesati e inquieti. Costretti a fare i conti con qualcosa (la morte, le proprie responsabilità) di più grande di loro. Qualcosa che i loro genitori, entità esterne come lo erano gli adulti/oboe dei peanuts animati, non sono stati per primi in grado di affrontare.
A impreziosire il tutto, il bel lavoro sulla sceneggiatura. Che intreccia, insegue, ripete e chiarisce eventi apparentemente insignificanti. Chiarendo gli "sfocati" della trama, proprio come farebbe una macchina da presa. La morte, che fa capolino solo una volta, è tanto violenta quanto assurda. Eppure, come Alex, restiamo basiti. Incapaci di comprenderla.
P.s.
Per convincere un potenziale spettatore si potrebbe parlare anche della spietata, sottesa, critica al modus operandi statunitense tout court. Nei rapporti, tanto interpersonali che internazionali. Non credo ce ne sia bisogno.

commenti
  1. contenebbia ha detto:

    Senza dubbio, uno dei film dell’anno. Forse il più importante nella sua rarefatta perfezione.

  2. cineblob ha detto:

    sisisisi
    (Tutte le sere alle nove è ora in archivio: in settimana la visione) ^_^

  3. souffle ha detto:

    Gus Van Sant enfant prodige non l’avevo ancora sentita. 🙂

  4. cineblob ha detto:

    E perché? In fondo ha fatto il primo lavoro su grande schermo a 30 anni… Beh, forse ex enfant prodige suona comunque meglio…

  5. Gokachu ha detto:

    [polemica on]

    L’enfant o ex tale Gus Van Sant ha 53 anni. Cazzo, ha fatto il suo primo film a trent’anni? Fichissimo, peccato che Jean Vigo a trent’anni era già morto. O che un tizio non particolarmente precoce come Wenders a 29 anni non aveva fatto il suo primo lungometraggio bensì ALICE NELLE CITTA’. O che Orson Welles ha girato QUARTO POTERE, mica Mala Noche, a 26 anni. Per non parlare del fatto che il suo maestro, a lui grandemente superiore, ovvero Béla Tarr, è di tre anni più giovane. E per chiudere al tempo del primo lungomentraggio, nel 1985 (Mala Noche) il nostro Enfant ne aveva 33, di anni.

    [polemica off]

    Old is beautiful.

  6. Gokachu ha detto:

    Errata corrige, l’amico Gus ha 56 anni.

  7. cineblob ha detto:

    @ goka: si ma le generazioni si allungano, i bamboccioni imperano. Non vorrai mica ignorare lo spostamento ina vanti dell’età media mondiale? ^_^

  8. Gokachu ha detto:

    Certo, va tutto storicizzato. Per esempio nel 1985, anno in cui il nostro Enfant si lanciava alla regia alll’impensabile (per l’epoca) età di 33 anni con la sua indimenticabile opera prima, il suo coetaneo Robert Zemeckis era al suo terzo film (Back to the Future, per la precisione), e Kusturica vinceva a Cannes a 31 anni con il suo secondo film, che Tim Burton era anche lui al primo lungometraggio (Pee Wee) solo che di anni ne aveva 29. Luc Besson nello stesso anno girava il suo secondo lungometraggio, Subway, ma di anni ne aveva ventisei. Per non parlare, per evitare l’overkill, di Jackie Chan che a 31 anni nel 1985 girava il suo SETTIMO film, Police Story. Dio, quanto adoro essere pedante.

  9. cineblob ha detto:

    Dio, quanto mi diverti quando sei pedante. Cmq 3o anni per un’opera prima (segnalata da imdb) a me continuano a sembrar pochi. In fondo, Fellini quando ha iniziato? (via la nuovo giro di pedanteria!!!)

  10. Lilith1984 ha detto:

    a me non è piaciuto granchè. capirete perché quando pubblicherò la recensione.

  11. cineblob ha detto:

    @lilith: epperché? non accetto meno di tre pallette e mezzo per questo film ^^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...