Nuovomondo

Pubblicato: ottobre 28, 2006 in Uncategorized

Nuovomondo di Emanuele Crialese (Italia-Francia, 2006)

 

L’odiessea degli immigrati italiani del secolo scorso, la loro povertà e le loro speranze, disvelati attraverso il viaggio della famiglia Mancuso. Dall’altra parte dell’oceano, lontano da una Sicilia aspra e irta, l’America: fantastico paradiso sulla terra dove fiumi di latte bagnano le radici di alberi carichi di monete d’oro.

Vincitore del Leone d’Argento a Venezia, e stendardo del cinema italiano alla prossima notte degli Oscar, Nuovomondo è, già per questo, un film inattaccabile. Poetico, raffinato, dolce, triste e divertente: l’ultima opera di Crialese, regista dello splendido Respiro, è uno di quei rari film capaci di mettere d’accordo pubblico, critica, cinefili più o meno radicali e giurie più o meno preparate.
Il viaggio dei Mancuso, insieme alla loro affascinante e misteriosa compagna dai capelli rossi, è narrato con dolcezza un po’ trasognata, dietro al filtro di un neorealismo magico alla portata di qualsiasi spettatore. Fiumi di latte, carote giganti, olive grandi quanto palloni da rugby. L’America di Crialese è terra puramente immaginata e immaginaria e, per questo, mai rappresentata o rappresentabile sullo schermo, se non attraverso il filtro delle parole di chi la vede, ma da lontano, come una babele di torri incomprensibili.
La regia, elegante e precisa, non si abbandona a virtuosismi e schiaccia a terra, quando può, i piccoli uomini protagonisti di questo lungo viaggio. Indimenticabile il tango di sguardi tra il bravissimo Vincenzo Amato e Charlotte Gainsbourg, intrappolati in un gioco di occhi e tubi sul ponte di una nave che vaga senza meta per il mare.
Eppure a Nuovomondo manca qualcosa per poter entrare, di dirittto, nei libri di storia del cinema delle prossime generazioni. Forse è quella spontaneità e freschezza che tanto ci avevano affascinati in Respiro, qui sostituita da un elegante e precisa confezione, colta e cinefila, ma forse meno sanguigna.

commenti
  1. rob81 ha detto:

    stavolta concordo su ogni virgola, incredibile 😛

    Ciaoo Rob

  2. anonimo ha detto:

    Sei troppo buono: a questa recensione manca qualcosa per poter entrare, di diritto, nel novero delle recensioni deluse.

  3. cineblob ha detto:

    @ goka: deluso, ma con moderazione@ rob: perché ogni tanto ti redimi e torni sulla strada della saggezza 😉

  4. minstrel ha detto:

    Respiro dunque.
    Mi faccia capire prof.: ma ‘ndo sta la rece di “respiro”?

    😉

    Yours

    MAURO

  5. mimidef ha detto:

    a me piacque. tu come stai?

  6. cineblob ha detto:

    @ mimi: diciamo che ho vissuto giorni migliore, e che il futuro è incerto. per il resto bene 😉

  7. oxygenetic ha detto:

    ciao volevo segnalarti questo community blog su tutto ciò che rappresenta il cinema nella vita delle persone (si possono pubblicare articoli senza alcuna registrazione):
    http://www.Cinemozioni.com
    Facci un salto se ti va e magari pubblica pure qualche tuo post e/o commento, puoi anche linkare il tuo blog.
    A presto!

    p.s.: scusami se scrivo qui ma non ho trovato una tua email

  8. nameerf ha detto:

    J’adore Charlotte Gainsbourg, chi la ricorda all’esordio in un film di Claude Miller “La petite voleuse” (soggetto nientemeno che di Truffaut).
    Saluti.
    Nameerf

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...