Pubblicato: aprile 18, 2006 in Uncategorized

The Manchurian Candidate di Jonathan Demme (Usa, 2004)

Iraq, 1991. Un gruppo di soldati viene assalito in un’imboscata notturna. Si salveranno solo grazie all’eroico intervento del Sergente Shaw, erede di una potente dinastia di politici statunitensi. 13 anni dopo, però, c’è ancora qualcosa che non convince il capitano di quella truppa, Ben Marco. Qualcosa che lo spingerà a mettere in discussione tutto ciò che è successo, e a intraprendere una sfiancante e pericolosa ricerca della verità.

Remake di un famosissimo film del ’62 con Frank Sinatra, nonché adattamento di un altrettanto famoso romanzo, The Manchurian Candidate è un thriller pensato come manifesto contro gli Stati Uniti di oggi e la politica dei candidati-fantoccio.
C’è tutta l’America post 11 settembre nel film di Demme. Una democrazia grande e insicura, lo spettro del terrorismo agitato davanti agli occhi di elettori spaventati, la limitazione insopportabile dei diritti civili e lo strapotere dei grandi gruppi finanziari. Tutto questo, nelle mani di Demme, si trasforma in materiale per un thiller fantapolitico che, nel crescendo finale, perde progressivamente la sua concretezza e si trasforma in un grottesco affresco degli Usa.
Fa capolino anche l’incesto, seppure sussurrato, in questo quadro boschiano di complotti ipertecnologici e golpi bianchi che si risolvono, inevitabilmente, nel sangue. A Denzel Washington l’arduo compito di reggere gran parte del film, affiancato da una eccezionale Meryl Streep, machiavellica first lady tanto spietata quanto potente.
Il difetto, però, sta nell’abbandonare per strada i dettagli di un quadro che si fa via via più complesso (trascurando ad esempio i personaggi secondari, come il medico tedesco). Ma, soprattutto, nel premere troppo l’acceleratore del fantascientifico, col rischio di cozzare aspramente con la presunta verosimiglianza della prima mezz’ora.
Un film sulla paranoia di un uomo e sulle paure di una nazione infelice. Sarebbe potuto essere un gran film, se solo non fosse riuscito così squilibrato.

commenti
  1. anonimo ha detto:

    l’interpretazione che più mi è piaciuta è stata invece quella di Liev Schreiber, piuttosto che quella, sempre ottima cmq, di Meryl Streep…sarà perchè secondo me è un attore ancora troppo sottovalutato! bel film cmq nel complesso! ciao,Anny

  2. rob81 ha detto:

    Ciao bieddu, spero tu abbia passato una buona Pasqua e Pasquetta.

    Ciaoo Rob

  3. cineblob ha detto:

    @ Anny: beh, in effetti anche lui se la cava egregiamente. Ma la Streep in versione demoniaco-repubblicana è irresistibile…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...