Stalker

Pubblicato: gennaio 11, 2006 in Uncategorized

Stalker di Andrei Tarkovsky (Germania Ovest-Unione Sovietica, 1979)

In una sperduta cittadina della Russia uno scrittore e uno scienziato si rivolgono a uno stalker, una guida, affinché li faccia penetrare nella Zona: un territorio alieno al di là della comprensione umana sorvegliato dall’esercito. L’obiettivo di entrambi è lo stesso: raggiungere la Zona per entrare in una stanza capace di realizzare i desideri più profondi di ogni uomo. Ma il viaggio non sarà facile, e i tre saranno costretti a interrogarsi su ciò che cercano veramente.

Metaforico, allucinato, etereo. Stalker è, come Solaris, un capolavoro della fantascienza impegnata, quella che alle domande poste dalle galassie stellari preferisce quelle che germinano dalle galassie di neuroni nella nostra testa. Chi siamo, ma soprattutto cosa vogliamo veramente. Questi gli interrogativi che guidano la fantascienza filosofica dell’autore russo o, meglio, la sua filosofia della fantascienza.
In scena, allora, lo scontro dialettico tra tre uomini: uno scrittore, uno Stalker e uno scienziato, intrappolati dalla paura dei propri desideri più profondi e incapaci di giungere a una verità. Lo scontro metaforico di tre domini, intelletto, fede e scienza, costretti a un confronto vano nei suoi risultati.
Metaforico fino all’eccesso, fotografato con una saggia alternanza di seppia e colore, Stalker è vero cinema mentale, in tutti i sensi. Illuminante.

commenti
  1. ohdaesu ha detto:

    Vuoi diffondere un’immagine intellettuale di te per far colpo sulle studentesse?

  2. minstrel ha detto:

    Eheheh, piuttosto blob dove è reperibile il dvd di questo film?!

    A uno che considera Solaris alla stregua di 2001 mi sa che questo Stalker non deve mancare! ^__^

  3. anonimo ha detto:

    @ min: me lo ha regalato la sorellina per natale e lo ha comprato da Ricordi, ergo estrema reperibilità :)@ ohda: ovviamente si. Ah, ho rivisto lady vendetta, in italiano questa volta, e…….

  4. Gokachu ha detto:

    Stalker – Solaris 4-0 (imho)

  5. anonimo ha detto:

    bravo maifrè:)ti abbraccio con affetto,da

  6. anonimo ha detto:

    Per me, uno dei più grandi capolavori del cinema di tutti i tempi. Punto e basta.

    Ciao,
    Fetish

  7. minstrel ha detto:

    Gokachu O__O ‘sti cazzi!
    Lo ordino al volo se la metti così. Blob ha ragione: reperibilità del DVD facile. Per una volta almeno… ^^

  8. Djazz ha detto:

    Uno dei film più immobili dopo Solaris. Fantastico oltre ogni misura. Ti consiglio anche di leggere il libro dal quale è tratto il film:

    Picnic sul ciglio della strada
    dei fratelli Strugatzi

    Ola!

    Torakiki

  9. anonimo ha detto:

    ricordo di aver pianto al termine della visione del film di tarkovsky.

  10. anonimo ha detto:

    “Cinema mentale”,definizione eccellente.

    zieg

  11. batou ha detto:

    Bello.C’è qualche altro tarkovskiano oltre a me.Anche io reputo Stalker uno dei massimi capolavori della storia del cinema.Mi girano i nervi ogni volta che vedo quelle presuntuose classifiche di note riviste dove di Tarkovskij non c’è nemmeno l’ombra…
    Stalker è la bellezza e l’inquietudine del Mistero tradotta inimmagine filmica.

  12. iosif ha detto:

    il miglior tarkovskij, quindi uno dei migliori film di sempre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...