Pubblicato: aprile 25, 2005 in Uncategorized

Kôrei di Kiyoshi Kurosawa (Giappone, 2000)

Una donna che lavora come cameriera ha degli strani poteri paranormali, che le permettono di vedere le anime dei defunti. Un giorno la polizia le chiede di collaborare per ritrovare una bambina rapita. Le ricerche però prenderanno una strana piega quando la donna, insieme con il marito, tenterà di sfruttare quest’occasione a suo favore…

Film per la tv, realizzato da Kurosawa tra i fondamentali Charisma e Kairo, Kôrei è una horror in assenza, sospeso ed ellittico come gran parte dei lavori del regista giapponese. L’inizio da ghost-story non deve ingannare. Kôrei è un film che parla innanzitutto della società giapponese contemporanea, dell’imperativo del successo e di cosa si è disposti a fare pur di riuscire nella vita. Non solo della società giapponese, insomma.
Alcuni temi sono quelli del Kurosawa di lì a venire (il doppelganger, il rapporto tra tecnologia e soprannaturale, ecc…), la realizzazione è, come sempre,  netta e precisa. Lunghi piani sequenza spezzati dagli eventi, macchina da presa sempre al posto giusto, angoli di ripresa inquietanti, e un terrore fatto di angoscia impalpabile.
Kurosawa dimostra che il vero terrore è semplice, basilare, lineare. Geniale, infine, il ribaltamento totale delle aspettative dello spettatore sullo sviluppo della storia. Un vero marchio di fabbrica del regista. Anche qui, ovviamente, un finale ellittico, per un thriller piacevole e fuori dal coro. Visione consigliata.

commenti
  1. murdamoviez ha detto:

    quando lo vidi mi prese molto meno degli altri lavori di KK

  2. Gokachu ha detto:

    E’ un film per la TV ma non ha tradito le mie aspettative. lo preferisco senz’altro a Doppelganger (che pur non m’è dispiaciuto affatto).
    @cineblob: non mi ero reso conto che non avessi un’indirizzo email pubblico. Perché? Comunque mandami un’email che ti devo scrivere.

  3. losceiccobianco ha detto:

    certo che tu ne sai una più del diavolo!
    (bella la foto tra l’altro)
    ma non mi hai mai spiegato che ci faceva la tua katana nel bambù

  4. cineblob ha detto:

    era la katana che mi hanno regalato per la laurea! 😉 quella nascosta nel bambù.. stile zatoichi ^_^

  5. anonimo ha detto:

    Ma allora vai a fare iaido!
    A bologna avete un gran bel dojo.
    (però vabbé ti servirà una iaito)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...