Pubblicato: febbraio 11, 2005 in Uncategorized

 La città incantata di Hayao Miyazaki (Giappone, 2001)

Una bambina finisce con i suoi genitori in un mondo fantastico, abitato da spiriti, streghe e altre strane creature. Se vorrà sopravvivere e tornare alla realtà dovrà dimostrare di essere utile, lavorando duramente nelle terme degli spiriti, e affrontando la strega Yubaba.

Una delle più alte vette mai raggiunte nel cinema d’animazione. Alla quinta (o sesta?) visione La città incantata mantiene inalterato il suo fascino, stregando gli occhi con le immagini (e i colori) di un mondo che sembra sognato da un bambino. Un racconto di formazione, innanzitutto. La storia di una bambina che scopre il valore del lavoro e il senso del dovere (sarà la stessa Chihiro, alla fine, a inistere per mantenere il patto fatto con Yubaba).
C’è tutta l’etica della società giapponese nella storia di Chihiro, che scopre che per sopravvivere bisogna essere utili alla società, a tutti i costi. Lavorare incessantemente, perdere il proprio nome per far parte di un organismo sociale più ampio (le terme una metafora dell’azienda giapponese che risucchia in sé i propri impiegati?).
Eppure quella che è una dura lezione di vita, una parabola sul crescere, diventa nelle mani di Miyazaki un sogno dai confini sottili. Come in un romanzo di Hoffman qui tutto e tutti sono doppi, e niente è ciò che sembra. Chihiro è Sen, Yubaba è Zeniba, Haku è Nohaku. Un mondo onirico dove si perdono i confini tra le cose, i treni corrono su binari d’acqua e bebé giganteschi vengono traformati in topolini.
Inutile, è un capolavoro. Da vedere e rivedere fino alla noia (che non arriverà).

commenti
  1. Ratinthewall ha detto:

    visto, rivisto e approvato. quando vidi questo film (a parte il fatto che ero in un periodo molto particolare della mia vita) erano già una dozzina d’anni che ammiravo miyazaki, dai primi anni ’90, quando lessi il manga di nausicaa, che rimarrà sempre per me il manga più bello, forse insiema a appleseed di shirow (anzi, orion). comunque non pensavo che un autore così conosciuto e amato potesse ancora stupirmi così tanto. è come se lo avessi appena scoperto.

  2. scott.ronson ha detto:

    che bello che è questo film.
    e lo davano di pomeriggio al cinema, perché è un cartone, e quindi è per bambini…

    a.

  3. rob81 ha detto:

    Poesia pura… Ciaoo Rob

  4. anonimo ha detto:

    io mi sono letteralmente innamorata di lui, Miyazaki!!! Orami sono drogata e mi perdo per ore nei suoi racconti, nei suoi personaggi e nelle sue immagini incantate!!!:-)
    Ma come si fa a non ammirare chi riesce a concepire il topo ciccione che si fa portare in giro a gesti dall’uccellino nero??o il lampione che saltella sulla mano squittendo?? o i batuffolini di fuliggine??è un genio!!!
    ValePops

  5. anonimo ha detto:

    Ancora mi chiedo come sia possibile che con le sole mani (voglio dire senza computer, per lo più) si possa fare una roba del genere!

    Giapponesi e coreani ci insegnano che col duro lavoro si può arrivare molto lontano.
    Forse in una città incantata.

    Die

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...