Pubblicato: Maggio 13, 2004 in Uncategorized

Electric Dragon 80000 volts di Sogo Ishii (Giappone 2001)



Due espressioni mi infastidiscono quando si parla di cinema, perché ampiamente abusate. La prima è “talento visionario”, la seconda è “delirio visivo”. Bene, detto ciò affermo candidamente che questo film è un delirio visivo in pure stile post-tsukamoto.

Electric Dragon è il racconto allucinato dello scontro di due superfreak: Dragon Eye e Thunderbolt Buddha. Il primo, colpito da bambino da una scarica elettrica di 80000 volts, si è trasformato in un uomo elettrico capace di parlare con i rettili. Il secondo invece, nemesi naturale di Dragon Eye, racchiude in sé l’energia del fulmine e gira per Tokyo con mezza maschera del Buddha sul volto.


Detta così sembra la trama idiota di un manga cyberpunk. E in effetti lo è. Sogo mescola lo Tsukamoto di Tetsuo (1 e 2 soprattutto) al mondo dei manga, realizzando un film semi sperimentale sulla diversità e la violenza ancestrale radicata nell’uomo. E lo fa girando in un bianco e nero pulito ed elegante, con un montaggio clipposo, e alcune trovate narrative esilaranti (gli ideogrammi urlati con enfasi dalla voce narrante che sostituiscono i dialoghi e commentano la storia) Nonostante tutta la frenesia e il fascino di certe trovate resta però l’impressione di guardare il clone elttrico di Tetsuo 2. Peccato…

commenti
  1. anonimo ha detto:

    Veramente è stato lo stesso Tsukamoto ad ispirarsi ai film di Ishii (Crazy Thunder Road e Burst City) per realizzare Tetsuo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...