21 grammi (21 gram…

Pubblicato: febbraio 4, 2004 in Uncategorized


21 grammi (21 grams) di Alejandro González Iñárritu


Alla seconda prova dietro la macchina da presa Iñárritu costruisce un film tortuoso e intimistico. Tre vite si incontrano per caso e ne usciranno stravolte. Una donna, un matematico ammalato e un ex criminale redento dalla fede sono legati da fila invisibili che il regista tesse con abilità. Iñárritu spezza in frammenti la continuità temporale dell’intreccio, ricomponendo i pezzi alla rinfusa. La collaborazione dello spettatore è richiesta, se vuole venire a capo di questo intarsio narrativo. Il gioco, fino a un certo punto, è affascinante. E’ affascinante scoprire le tessere del puzzle costruito dal regista e rimetterle insieme. Ben presto però l’impressione è che il film sia tutto lì, nel gioco di scomposizione (del regista) e ricomposizione (dello spettatore). Il resto è un melodramma abbastanza scontato e a tratti troppo intimistico. Consigliamo “il ladro di orchidee” di Spike Jonze, per vedere un film che spezza altrettanto drasticamente la continuità dell’intreccio, ma dando molto più cibo alla mente avida dello spettatore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...